III AVVENTO – AUDIO commento di Don Achille Morabito

III AVVENTO – AUDIO commento di Don Achille Morabito

«Gaudete in Domino sempre… Dominus prope»! «Rallegratevi sempre nel Signore… il Signore è vicino». Con questo invito alla gioia, rivolto da Paolo alla Chiesa di Filippi, si apre questa Terza Domenica di Avvento. Oltre ad invitarci a scoprire la vera gioia che nasce dall’incontro con il Signore, la Liturgia di oggi ci presenta nuovamente la figura di Giovanni il Battista, che indica la giustizia e la carità come le vie per prepararsi alla venuta del Messia.

Tortona (Santuario): Nono giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Don Marchetti

Tortona (Santuario): Nono giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Don Marchetti

MARIA DONNA DEL MAGNIFICAT

Siamo entrati con questa celebrazione eucaristica nella solennità dell’Immacolata, Maria in queste sere è stata sottolineata nella comunione dei santi dal predicatore don Vincenzo Marchetti e in questo ultimo giorno di novena ha posto la riflessione su come pregare la Vergine Maria. “Ella fa parte della storia dell’umanità e proprio San Paolo VI nell’invitare tutti i fedeli di buona volontà alla recita del Santo Rosario disse di porre prima di ogni mistero un brano del Vangelo perché sia un qualcosa che aiuta a porre l’attenzione e sia riferito a noi per la nostra quotidianità e per quello che viviamo“. 
Don Vincenzo ha proseguito citando il canto per eccellenza a Maria il Magnificat perché “contiene in sè un dinamismo come se rendesse fluidi questi venti secoli dalla prima venuta di Gesù. In questo canto scaturito dalle labbra di Maria noi ci uniamo pienamente a Lei nella lode a Dio per esaltarlo delle grandi cose che ha compiuto“. 
Al termine della celebrazione il rettore don Vanoi ha ringraziato don Vincenzo per questa profonda predicazione e ha invitato tutto nel rivolgersi alla Vergine per essere sempre uniti a Lei che che conduce al Figlio suo.

ASCOLTA L’OMELIA (Don MARCHETTI)

Tortona (Duomo): Nono giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Mons. VIOLA

Tortona (Duomo): Nono giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Mons. VIOLA

MARIA NELLA LUCE DELLA SUA CONSEGNA

Siamo giunti al termine della Novena dell’Immacolata, in questo giorno nel quale la Chiesa fa memoria del vescovo Ambrogio. La Celebrazione ha acquistato una solennità particolare nella preghiera che si eleva al Signore come canto di gratitudine e ringraziamento per il quarto anniversario di ordinazione episcopale del nostro vescovo Mons. Vittorio Francesco Viola, il quale all’inizio della Celebrazione, ha chiesto preghiere per il suo ministero episcopale. Al termine ha ricevuto in dono un piviale consegnato dal parroco della Cattedrale Don Claudio Baldi che a nome di tutto il popolo ha rivolto al vescovo un augurio per la vita di ognuno: quello di avere lo sguardo della Vergine Maria. Uno sguardo nel quale il vescovo nella riflessione ha sottolineato con forza: “In Maria c’è la luce del suo Eccomi, che accompagna ogni istante per il Figlio e gli permette di vedere e comprendere in profondità le cose. Questa luce illumina lo sguardo e gli offre il senso profondo. Noi vorremo avere questo sguardo e il modo di averlo anche noi Lei lo insegna nella consapevolezza che l’opera della redenzione deve far sempre più presa in noi. Occorrerebbe ripetere come Lei la nostra consegna a Dio con i suoi tratti di una perfetta consacrazione di una donazione libera che prende tutto e non limita ma che consegna tutto senza misura, condizione  e pretese“. Mons. Viola ha richiamato l’importanza di invocare il Signore prendendo spunto dal Vangelo odierno. “Nel Battesimo anche noi siamo stati liberati dal buio del peccato per camminare alla luce della Sua Pasqua e sappiamo che la forza di questa illuminazione deve diffondersi nel buio della nostra cecità ed è in questo spazio che la grazia della fede può agire dando quella luce che ci permettere di vedere e questa invocazione urlata ‘Figlio di Davide abbi pietà di noi’ con il desiderio di essere pienamente illuminati da Lui”.   L’intenzione di preghiera di questa novena, per le vocazioni sacerdotali, venga accolta dalla Vergine Maria perché la nostra Chiesa possa rifiorire di numerose e sante vocazioni ed i chiamati con generosità possano rispondere come la Vergine Maria il loro ‘Eccomi’ totale e incondizionato.

ASCOLTA L’OMELIA (Mons. VIOLA)

 

 

II AVVENTO – AUDIO commento di Don Achille Morabito

II AVVENTO – AUDIO commento di Don Achille Morabito

Celebriamo la Seconda Domenica di Avvento. Nelle tappe del tempo di Avvento la Liturgia pone in risalto alcune figure che sostengono l’attesa della Chiesa, desiderosa di incontrare il suo Sposo, Cristo Gesù. Al centro di questa Domenica c’è Giovanni il Battista, l’amico dello Sposo, la cui voce riecheggia con forza nel deserto affinché la Parola eterna possa essere accolta con gioia nel cuore di ogni uomo. Raccogliamoci in preghiera e cantiamo al Signore che viene per salvare il suo popolo e far sentire la sua voce potente.

 

 

 

Tortona (Santuario): Ottavo giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Don Marchetti

Tortona (Santuario): Ottavo giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Don Marchetti

MARIA NOSTRA FIDUCIA E SPERANZA

Nell’ottavo giorno della novena nel quale la Chiesa celebra la memoria di San Nicola, vescovo. Don Marchetti nella riflessione pone l’accento su quanto sia importante e fondamentale costruire la nostra casa sulla roccia che è il Signore Gesù come hanno fatto i Santi. “Anche noi battezzati abbiamo ricevuto gli strumenti per costruire qualcosa nella nostra vita. Tra i santi e noi ci deve essere uno scambio vitale di esempi  che camminano verso la patria celeste con l’’impegno a seguire il Signore e vivere di Lui. Questa comunione dei santi è come un abbraccio grande come grande è la Sua infinita misericordia”.

ASCOLTA L’OMELIA (Don MARCHETTI)

Tortona (Duomo): Ottavo giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Mons. VIOLA

Tortona (Duomo): Ottavo giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Mons. VIOLA

MARIA NELLA CONSEGNA AL FIGLIO SUO

Ottavo giorno della novena, ormai la festa dell’Immacolata è alle porte e il radunarsi al mattino, prima di ogni nostra azione, per dar lode al Signore è il valore del primato di Cristo che vogliamo dare con la nostra vita, nutrendoci della suo Parola e del suo Corpo offerto per noi. Mons. Viola nella riflessione pone al centro l’interrogativo per tutti di fondare la nostra fede sulla roccia della nostra salvezza ovvero in Gesù Cristo perchè la Sua Parola è donata a noi e non ritornerà a Lui senza aver operato ciò per cui è stata mandata. “La visione di Isaia, ci dice il vescovo, contempla una Gerusalemme riedificata, forte e il fondamento di questa riedificazione è il confidare in Dio, roccia eterna. La roccia è la visione obbediente della Sua Parola e questo ascolto di Lui diventa pratica, un fare della Parola ascoltata e stabilisce un fondamento solito su cui costruire la nostra vita”. Guardando come ogni giorno la Vergine Maria, Mons. Viola, ricorda che contemplandola “possiamo vedere pienamente compiuta la Parola e il suo ascolto è profondamente obbediente dove corrisponde una piena consegna, nel suo ‘Eccomi’ all’annuncio dell’Angelo permettendo a Lei di rimanere salda in ogni istante del suo cammino accanto al Figlio anche quando diventava difficile come sotto la Croce”. La richiesta di questa giornata al Signore è quella di lasciarci attrarre dall’esempio della Vergine e giudicare sull’andamento della nostra vita perchè le nostre fondamenta devono essere la fedeltà di Dio e la nostra adesione a Lui.

ASCOLTA L’OMELIA (Mons. VIOLA)

  

Pin It on Pinterest