la Cripta

Pag_62Due scale di granito, all’altezza della 3a colonna, conducono alla cripta del Santuario.

Questa chiesa inferiore, dedicata all’Addolorata e al suffragio dei defunti, è uno spazioso e suggestivo luogo di culto che custodisce il sepolcro che accolse per 40 anni il corpo di Don Luigi Orione, e le tombe del venerabile Don Carlo Sterpi, Don Gaspare Goggi e di altri Figli e Figlie della Divina Provvidenza.

(altro…)

facciata_2

.

.

Il Santuario fu innalzato da San Luigi Orione, in seguito ad un voto emesso con la popolazione del rione S. Bernardino di Tortona il 29 agosto 1918, per ottenere attraverso l’intercessione della Madonna la fine della guerra, la desiderata pace e il ritorno dei combattenti.

Benedisse la prima pietra il 23 ottobre 1926 il cardinale Carlo Perosi, tortonese; l’inaugurazione del nuovo santuario fu compiuta dal vescovo di Tortona Mons. Simon Pietro Grassi il 29 agosto 1931.

E nel 1991 a 60 anni di distanza il 24 agosto S.E. Mons. Luigi Bongianino vescovo di Tortona consacrò il Santuario e il nuovo altare.

primo miracolo

cappella apparizioneIncombevano le stelle sulla casuccia di Benedetto, quando avvenne la seconda apparizione. La Santissima Vergine, dopo averlo rimproverato per la disobbedienza, e avergli rinnovato l’obbligo di costruirle la già indicata cappella sul monte, gli disse: “Alzati, che sei guarito”; e Benedetto Pareto, miracolosamente e istantaneamente si sentì liberato da ogni male, e la sua gamba come se non si fosse mai rotta. Era notte, ma egli balzò immediatamente gridando: “Ho visto ancora la Madonna! La Madonna mi ha guarito! Ecco che sono guarito!”.

(altro…)

primo collegio

400 lirePer questi motivi è lieto di ritrovarla nel sobborgo di S. Bernardino quando, nel 1893, apre il suo primo Collegio nella casa Stassano. Ai suoi piedi, nella povera antica chiesetta, porta i ragazzi ad ascoltare la Messa, durante funzioni pubbliche, semplici e modeste, alle quali partecipavano umili donne del rione, per la massima parte lavandaie, che faticano lungo le sponde della roggia che allora corre allo scoperto. Della Madonna e di S. Bernardino Don Orione continua ad interessarsi anche quando nel 1894 porta la sede del Collegio tra le mura del Convento S. Chiara in via Emilia.

.

(altro…)

Pin It on Pinterest