Tortona (Santuario): Secondo giorno Novena di Natale – RIFLESSIONE Don VANOI

Tortona (Santuario): Secondo giorno Novena di Natale – RIFLESSIONE Don VANOI

RINNOVATI NEL SUO AMORE

Un lungo elenco ci introduce nella novena in preparazione al Natale. Un elenco solo all’apparenza arido, ricco di una serie di nomi in maggioranza sconosciuti. E non importa se la genealogia di Matteo si discosta in gran parte da quella parallela di Luca: l’intento degli evangelisti non è certo quello della precisione storica, ma quello del messaggio teologico. Partendo da Abramo Matteo ci vuol comunicare che Gesù è il compimento della ricerca iniziata dal primo chiamato, padre delle tre fedi monoteistiche. La celebrazione eucaristica è stata presieduta dal rettore don Renzo Vanoi insieme a don Fulvio Ferrari, economo generale della Congregazione, di passaggio a Tortona. Nella Riflessione don Renzo ha sottolineato questa pagina di vangelo concludendo la sua riflessione augurando a tutti che questa novena “sia un bel cammino che ci rinnova dentro nel rapporto con Dio e con i nostri fratelli

ASCOLTA L’OMELIA (Don VANOI)

Tortona (Duomo): Secondo giorno Novena di Natale – RIFLESSIONE Mons. VIOLA

Tortona (Duomo): Secondo giorno Novena di Natale – RIFLESSIONE Mons. VIOLA

CONTEMPLARE IL VERBO COME SAPIENZA

Secondo giorno della Novena del Santo Natale nel quale la liturgia ci fa ascoltare nel Vangelo la genealogia di Gesù e cantare la prima antifona maggiore “O Sapienza, che esci dalla bocca dell’Altissimo, ed arrivi ai confini della terra, e tutto disponi con dolcezza: vieni ad insegnarci la via della prudenza”. È proprio in questi due punti che il vescovo pone la sua riflessione odierna: “Queste ferie maggiori che ci preparano a fare la memoria viva del Natale sono per noi giorni preziosi di una particolare memoria. Tutto è centrato su di Lui, nella Sua persona, compimento della parola antica dei profeti, contemplato con tutti gli appellativi che hanno dato alla parola di Gesù. In questa genealogia che abbiamo ascoltato si vede come in questa generazione umana si inserisce la nascita di Gesù da Maria sposa di Giuseppe e questo ci fa contemplare come l’Eterno è entrato dentro il tempo, dentro una storia umana. Si poi soffermato sulla prima antifona maggiore che ci viene proposta oggi. “Oggi canteremo a Lui come ‘Sapienza’ che esce dalla bocca dell’Altissimo e quindi è contemplazione del Verbo incarnato e si estende fino ai confini del mondo. Una Parola che ha la forza di ordinare tutte le cose”  

ASCOLTA LA RIFLESSIONE (Mons. VIOLA)

 

Santuario: Domenica 23 dicembre ore 10 ingresso del parroco don Renzo Vanoi presiede il vescovo Viola

Santuario: Domenica 23 dicembre ore 10 ingresso del parroco don Renzo Vanoi presiede il vescovo Viola

Domenica 23 dicembre 2018 alle ore 10, presso la Cripta del Santuario della Madonna della Guardia di Tortona, il vescovo Mons. Vittorio Francesco Viola presiederà la celebrazione con il rito d’ingresso del parroco della Parrocchia “San Bernardino” don Renzo Vanoi. Sono ormai trascorsi due anni dal decreto vescovile della nascente Parrocchia “San Bernardino” già Parrocchia “San Michele” che ha come sede la Cripta del Santuario della Guardia. Il parroco don Renzo Vanoi, oltre a ricoprire l’incarico di rettore del Santuario e quindi custode dell’insigne reliquia del Corpo del santo Luigi Orione è stato chiamato ha ricoprire anche questo importante incarico. Ci uniamo alla preghiera per il ministero di Don Renzo perchè possa essere pastore per il suo gregge e nel nome di San Bernardino e San Luigi Orione l’intero popolo possa sempre più essere annunciatore della Parola che salva. Domenica al termine della celebrazione, presso l’auditorium del Centro “Mater Dei” i ragazzi dell’oratorio-catechismo eseguiranno alcuni canti e il tutto si concluderà con un momento di fraternità ormai alle porte del Santo Natale.

   

Tortona (Duomo): Primo giorno Novena di Natale – RIFLESSIONE Mons. VIOLA

Tortona (Duomo): Primo giorno Novena di Natale – RIFLESSIONE Mons. VIOLA

Questa mattina alle ore 7.00 in Cattedrale il vescovo Mons. Vittorio Francesco Viola ha presieduto il primo giorno della novena di Natale. Un appuntamento che ogni mattina si ripeterà per questi nove giorni in preparazione al Santo natale. Il canto delle Profezie ha dato inizio alla celebrazione, successivamente dopo l’ascolto della Parola il vescovo ha donato il suo pensiero che ci accompagna in questo giorno. “Iniziamo questa novena che ci aiuta ad aprire il cuore all’incontro con Lui facendo memoria della Sua prima venuta. La pagina di Sofonia che abbiamo ascoltato, ha sottolineato il vescovo, da la tonalità alla nostra attesa carica di gioia. Questo possiamo comprenderlo se sappiamo ascoltare questo annuncio che è compimento e promessa di liberazione. Celebrare il Natale ci permette di rinnovare in noi quella potenza di amore che vuole trasformare la nostra vita”La celebrazione è terminata con il canto del Magnificat e la Benedizione.

ASCOLTA LA RIFLESSIONE (Mons. VIOLA)

 

III AVVENTO – AUDIO commento di Don Achille Morabito

III AVVENTO – AUDIO commento di Don Achille Morabito

«Gaudete in Domino sempre… Dominus prope»! «Rallegratevi sempre nel Signore… il Signore è vicino». Con questo invito alla gioia, rivolto da Paolo alla Chiesa di Filippi, si apre questa Terza Domenica di Avvento. Oltre ad invitarci a scoprire la vera gioia che nasce dall’incontro con il Signore, la Liturgia di oggi ci presenta nuovamente la figura di Giovanni il Battista, che indica la giustizia e la carità come le vie per prepararsi alla venuta del Messia.

Tortona (Santuario): Nono giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Don Marchetti

Tortona (Santuario): Nono giorno Novena dell’Immacolata – OMELIA Don Marchetti

MARIA DONNA DEL MAGNIFICAT

Siamo entrati con questa celebrazione eucaristica nella solennità dell’Immacolata, Maria in queste sere è stata sottolineata nella comunione dei santi dal predicatore don Vincenzo Marchetti e in questo ultimo giorno di novena ha posto la riflessione su come pregare la Vergine Maria. “Ella fa parte della storia dell’umanità e proprio San Paolo VI nell’invitare tutti i fedeli di buona volontà alla recita del Santo Rosario disse di porre prima di ogni mistero un brano del Vangelo perché sia un qualcosa che aiuta a porre l’attenzione e sia riferito a noi per la nostra quotidianità e per quello che viviamo“. 
Don Vincenzo ha proseguito citando il canto per eccellenza a Maria il Magnificat perché “contiene in sè un dinamismo come se rendesse fluidi questi venti secoli dalla prima venuta di Gesù. In questo canto scaturito dalle labbra di Maria noi ci uniamo pienamente a Lei nella lode a Dio per esaltarlo delle grandi cose che ha compiuto“. 
Al termine della celebrazione il rettore don Vanoi ha ringraziato don Vincenzo per questa profonda predicazione e ha invitato tutto nel rivolgersi alla Vergine per essere sempre uniti a Lei che che conduce al Figlio suo.

ASCOLTA L’OMELIA (Don MARCHETTI)

Pin It on Pinterest