MARIA NELLA COMUNIONE CON IL FIGLIO

In questo settimo giorno della novena all’Immacolata la liturgia della Parola ci invita nel porre la nostra attenzione sul “banchetto eucaristico“. Nella riflessione Mons. Viola riprende alcuni passi della lettura profetica di Isaia che ci sta accompagnando in questo tempo di avvento. “Ci viene annunciato un banchetto di comunione e festa, in cui tutti i popoli sono invitati. Ed il motivo è decisivo e profondo: l’eliminazione della morte per sempre”. Proseguendo nella riflessione guardando alla pagina evangelica il vescovo sottolinea come “questa moltiplicazione dei pani e dei pesci è essa stessa prefigurazione  del banchetto che Gesù è venuto a preparare per noi, quello dell’ultima Cena in cui anticipa nel pane spezzato la sua morte in Croce. A noi la possibilità di vivere la comunione eucaristica con Lui”. Conclude con uno sguardo alla Vergine Maria che è immersa nel Corpo del Figlio “perchè c’è una memoria nel corpo della Vergine, tracce del copro della Madre nel Corpo Eucaristico, c’è un sorvegliare della Vergine in ogni nostra Comunione. Tutto è racchiuso in quell’Eccomi che la Vergine Maria fa suo accogliendo il Verbo”. In questa giornata la richiesta al Signore che il vescovo invoca per tutti è quella di “sentire la presenza della Vergine accanto a noi nel Pane Eucaristico e lasciare che la nostra comunione possa sapersi esprimere e manifestare in noi, in Lui e con Lui che è il vero motivo della nostra gioia”.

ASCOLTA L’OMELIA (Mons. VIOLA)

Pin It on Pinterest