XXXII slideCelebriamo la XXXII Domenica del Tempo Ordinario. Due povere vedove sono al centro della Liturgia odierna. L’ospitalità della prima viene compensata dal miracolo di Elia e l’umile generosità della seconda merita da Gesù un elogio che non ha eguale. La loro generosa prestazione è ancora più notevole se la si confronta con l’atteggiamento dei ricchi che, quasi a contrasto, il racconto oppone ad esse: da una parte l’empia regina Gezabele che vive nel lusso e nella ricchezza disprezzando i poveri, dall’altra i ricchi scribi che «divorano le case delle vedove» e sono sempre alla ricerca dei primi posti. Accogliamo il Signore Risorto in mezzo a noi: Egli è il Sommo Sacerdote che offre sé stesso per noi. Apriamo a Lui i nostri cuori, non esitando a donarGli tutto ciò che siamo e abbiamo.

Pin It on Pinterest